fbpx

03.03.22

Notizie

Bonus edilizi, le sanzioni del decreto Frodi diventano legge

Non c’è scampo. È stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 25 febbraio il decreto legge n.13 riguardo le “Misure urgenti per il contrasto alle frodi in materia edilizia e sull’elettricità prodotta da impianti da fonti rinnovabili” con cui si introducono nel panorama dei bonus Edilizi gravi sanzioni per le false asseverazioni dei professionisti e si riammettono le cessioni multiple verso banche, imprese di assicurazione e operatori finanziari, così come disposto dal decreto Frodi, che va a correggere il Sostegni ter e diviene adesso legge con la pubblicazione in Gazzetta.

DETTAGLI. Il Governo lo aveva anticipato nel decreto legge, ma adesso diventa legge. Pertanto, dopo la prima cessione del credito saranno consentiti solo altri due trasferimenti a soggetti affidabili come banche, poste, assicurazioni e altri operatori vigilati.

In capo al professionista che assevera, invece, vigerà l’obbligo di avere un’assicurazione con un massimale pari all’importo di tutti i lavori attestati.

Per quanto riguarda il credito ceduto, questo non potrà essere oggetto di cessioni parziali successivamente alla prima comunicazione dell’opzione all’Agenzia delle entrate, tant’è che viene introdotto un codice identificativo univoco del credito ceduto ai fini della tracciabilità delle cessioni.

Infine, si introducono pene molto severe per i tecnici che inseriscono nelle loro asseverazioni dati falsi o che omettono di riferire informazioni rilevanti sul cantiere.

I professionisti che attestino il falso nelle procedure legate alle diverse detrazioni sono sottoposti a multa e reclusione da 2 a 5 anni. 

Homepage > Notizie > Notizie > Bonus edilizi, le sanzioni del decreto Frodi diventano legge
Fondo Impresa FemminileL'incentivo nazionale che sostiene la nascita e il consolidamento delle imprese guidate da donne

APERTURA TERMINI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA
- 5 MAGGIO 2022 PER LE NUOVE IMPRESE
- 24 MAGGIO 2022 PER LE IMPRESE GIA' COSTITUITE
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?