fbpx

Il prossimo 16 ottobre 2014 scade il termine per il pagamento dell’acconto TASI relativo all’anno 2014.

La TASI è una componente della cd. IUC, Imposta Unica Comunale, istituita, a decorrere dal 1° gennaio 2014, con la  Legge 147/2013 (Legge di Stabilità).

 

L’Imposta Unica Comunale (IUC) comprende:

–        L’IMU (Imposta Municipale Unica), che si applica in relazione al possesso di fabbricati, aree edificabili e terreni agricoli;

–        La TASI (Tassa sui Servizi Indivisibili), che si applica in relazione al possesso o alla detenzione di fabbricati ed aree edificabili;

–        La TARI (Tassa sui Rifiuti), che si applica in relazione al possesso o alla detenzione di locali o aree scoperte a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

In vista dell’imminente scadenza, di seguito si richiamano le caratteristiche principali della TASI, mentre per maggiori approfondimenti su IMU e TARI rimandiamo alla nostra circolare n. 5/2014 dell’11 giugno u.s.

 

TASI – TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI

La TASI si applica in relazione al possesso o alla detenzione, a qualsiasi titolo, di fabbricati, ivi compresa l’abitazione principale, e di aree edificabili.

Restano esclusi da tale imposta i terreni agricoli, le aree scoperte pertinenziali o accessorie a locali imponibili, non operative, e le aree comuni condominiali, di cui all’art. 1117 del C.C., che non siano detenute o occupate in via esclusiva.

Soggetti passivi

La TASI è dovuta dal possessore o detentore (a qualsiasi titolo) delle unità immobiliari soggette al tributo.

In particolare si evidenzia che, qualora l’unità immobiliare sia occupata da un soggetto diverso dal titolare del diritto reale, l’occupante verserà la TASI nella misura, stabilita con regolamento comunale, compresa fra il 10 e il 30 per cento dell’ammontare complessivo della TASI dovuta, mentre la restante parte sarà corrisposta dal titolare del diritto reale sull’unità immobiliare.

Al riguardo, per una corretta determinazione dell’imposta dovuta, è necessario conoscere lo stato di detenzione degli immobili oggetto di locazione nel corso del 2014.

 

Base imponibile

La base imponibile della TASI è quella prevista per l’applicazione dell’IMU.

 

Aliquota

L’aliquota base della TASI è pari all’1 per mille.

Il Comune, con apposita delibera, può:

–          ridurre l’aliquota fino all’azzeramento;

–          determinare l’aliquota rispettando in ogni caso due limiti:

  1.        la somma delle aliquote TASI e IMU non può superare l’aliquota massima consentita dalla legge statale per l’IMU al 31.12.2013, fissata al 10,6 per mille e ad altre minori aliquote, in relazione alle diverse tipologie di immobile;
    1.     l’aliquota massima TASI non può in ogni caso eccedere, per l’anno 2014, il 2,5 per mille.

Ciascun Comune può inoltre prevedere una maggiorazione massima dello 0,8 per mille.

Per i fabbricati rurali ad uso strumentale l’aliquota massima della TASI non può comunque superare il limite dell’1 per mille.

 

Riduzioni ed esenzioni

Il Comune, con proprio regolamento, può prevedere riduzioni ed esenzioni nel caso di:

–          abitazioni con unico occupante;

–          abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo;

–          locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente;

–          abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per più di 6 mesi all’anno, all’estero;

–          fabbricati rurali ad uso abitativo.

 

Modalità di versamento

Le modalità per eseguire il versamento della TASI sono analoghe a quelle previste per l’IMU:

–          tramite F24 nella sezione IMU e altre imposte locali;

–          tramite bollettino postale.

Homepage > Notizie > Notizie > Acconto TASI 2014
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?