fbpx

12.11.20

Notizie

Bando ISI Agricoltura: slitta al 21 dicembre l’inoltro delle domande

C’è tempo fino al prossimo 21 dicembre per inoltrare le domande relative al bando Isi Agricoltura 2019/2020 a causa di un sovraffollamento di richieste che ha mandato in tilt il sistema. A comunicarlo è l’Inail, che se da una parte tarda a pubblicare i procedimenti tecnici per accedere al bando, dall’altra invece riconferma la pubblicazione entro il corrente anno dell’avviso Isi generalista 2020, per risorse complessive pari a oltre 200 milioni di euro, destinato a tutte le imprese, fatta eccezione per quelle a cui è rivolto l’avviso Isi Agricoltura.

Il bando Isi Inail agricoltura di quest’anno si era aperto lo scorso 15 luglio, offrendo la possibilità di finanziamenti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione primaria dei prodotti agricoli finalizzati all’acquisto o al noleggio con patto di acquisto di nuovi macchinari ed attrezzature di lavoro a basso impatto ambientale, come trattori e macchine agricoli o forestali.

Le imprese possono presentare una sola domanda in una sola regione o provincia autonoma e per un solo asse di finanziamento, scegliendo tra quello riservato alla generalità delle imprese agricole del valore complessivo di 53 milioni di euro e quello riservato agli imprenditori giovani agricoltori, organizzati anche in forma societaria, per complessivi 12 milioni di euro.

Il finanziamento, in conto capitale, è calcolato sulle spese ritenute ammissibili al netto dell’Iva nella misura del 40% per i soggetti beneficiari dell’Asse dedicato alla generalità delle imprese agricole; del 50% per i soggetti beneficiari dell’Asse dedicato agli imprenditori giovani agricoltori. Agli imprenditori, dunque, spetterebbero finanziamenti da un minimo di mille euro a un massimo di 60mila.

Lo slittamento del tempo utile per partecipare al bando potrebbe tramutarsi, di fatto, in una lungaggine “apri prospettive” al tempo del Covid.

 

Homepage > Notizie > Notizie > Bando ISI Agricoltura: slitta al 21 dicembre l’inoltro delle domande
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?