fbpx

14.04.21

Notizie

Come accedere ai contributi a fondo perduto per partite Iva

L’Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per utilizzare in compensazione o restituire il contributo a fondo perduto previsto dal decreto Sostegni in favore di aziende e professionisti per meglio affrontare l’emergenza Covid.

Nello specifico, possono richiederlo i titolari di partita Iva residenti in Italia, dove svolgono attività d’impresa, di lavoro autonomo e di reddito agrario ed anche gli enti non commerciali, compresi quelli del terzo settore e gli enti civilmente riconosciuti, in relazione allo svolgimento di attività commerciali.

Occorre che si rispettino requisiti specifici, ovvero che i ricavi e i compensi relativi al 2019 non superino i 10 milioni di euro e che la media mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2020 risultino inferiori almeno del 30% rispetto all’anno precedente. E se la partita Iva è stata aperta a partire dal 1° gennaio 2019 e, quindi, non c’è termine di comparazione? Niente paura, varrà solo il primo requisito.

Per il calcolo dell’ammontare del contributo spettante sono previste diverse percentuali determinate dalla fascia di ricavi 2019 del richiedente, da applicare alla differenza tra le due medie mensili 2019 e 2020.

Nello specifico:

  • 60% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 non superano la soglia di 100mila euro;
  • 50% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 100mila euro fino a 400mila;
  • 40% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 400mila euro fino a 1 milione;
  • 30% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 1 milione di euro fino a 5 milioni;
  • 20% se i ricavi e i compensi dell’anno 2019 superano la soglia di 5 milioni di euro fino a 10 milioni.

In presenza dei requisiti, il nuovo contributo spetta, in ogni caso, nella misura minima di mille euro per le persone fisiche e di 2mila euro per i soggetti diversi. L’importo massimo è di 150mila euro.

Il nuovo contributo a fondo perduto è escluso da tassazione sia per quanto riguarda le imposte sui redditi sia per l’Irap e non incide sul calcolo del rapporto per la deducibilità delle spese e degli altri componenti negativi di reddito, compresi gli interessi passivi. Per presentare la domanda c’è tempo fino al 28 maggio 2021.

E i codici tributo per compensazione e restituzione? Con la risoluzione n. 24 del 12 aprile 2021, l’Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo “6941” per utilizzare in compensazione mediante F24 il contributo a fondo perduto introdotto dal decreto “Sostegni”, nel caso in cui il contribuente scelga di fruirne sotto forma di credito d’imposta, e pure i codici “8128”, “8129” e “8130” per la restituzione spontanea della somma non spettante, erogata tramite accredito sul conto corrente o speso in compensazione, e per il versamento dei relativi interessi e delle eventuali sanzioni, tramite il modello “F24 Versamenti con elementi identificativi”.

Homepage > Notizie > Notizie > Come accedere ai contributi a fondo perduto per partite Iva
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?