fbpx

21.02.20

Notizie

Fiscalità immobiliare sempre più ingombrante, tasse in aumento per chi vende casa

In aggiunta alle imposte ordinarie previste per la stipulazione dell’atto notarile, il Fisco chiede adesso 245 euro… in più. Di questi, 200 andranno versati come imposta di registro e 45 come imposta di bollo.
Se poi nell’accordo preliminare di compravendita è prevista, inoltre, la consegna anticipata dell’immobile – per fare si che il soggetto che sta acquistando possa iniziare ad abitarvi – l’Agenzia delle Entrate chiede ulteriori 200 euro, che si sommano a quelli già previsti dalla legge, cioè i 200 euro dovuti per i contratti preliminari di ogni specie.
Un’altra ipotesi in cui il Fisco chiede più tasse si ha nel caso in cui le parti prevedono il pagamento di una certa somma di denaro a titolo di penale in caso di inadempimento alle pattuizioni del contratto.
Tra i casi più diffusi in cui l’Agenzia delle Entrate richiede 245 euro aggiuntivi vi è quello in cui i genitori intervengono in luogo dei figli – a titolo di donazione indiretta o di regalo – nel pagamento parziale o totale di un immobile.
Cosa possono fare i contribuenti per non sopportare tali costi? Fare ricorso? Forse non è sempre opportuno, in considerazione dell’ammontare dei costi e degli attuali tempi della giustizia tributaria.

Homepage > Notizie > Notizie > Fiscalità immobiliare sempre più ingombrante, tasse in aumento per chi vende casa
Fondo Impresa FemminileL'incentivo nazionale che sostiene la nascita e il consolidamento delle imprese guidate da donne

SVILUPPO DI IMPRESE FEMMINILI GIÀ COSTITUITE

SAVE THE DATE

APERTURA SPORTELLO PER LA COMPILAZIONE: 24 MAGGIO
APERTURA SPORTELLO PER LA PRESENTAZIONE: 7 GIUGNO
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?