fbpx

26.02.20

Notizie

I consulenti fanno quadrato: “Fisco in quarantena anche per le aziende extra zona rossa”

Sono molte le aziende che – seppur non risiedono né hanno sede legale negli undici comuni che, ad oggi, rientrano nelle misure di protezione economica sotto i riflettori del decreto “salva virus” – si avvalgono di intermediari lì residenti. Ecco perché al Consiglio nazionale dei commercialisti e al Consiglio nazionale consulenti del lavoro è parso lecito chiedere ai vertici delle politiche lavorative l’attivazione degli ammortizzatori sociali anche per le aziende extra zona rossa, estendendo pure a queste la sospensione degli adempimenti e dei versamenti dei contributi. Intanto, lo stop contributivo da Coronavirus si allarga e ingloba anche la pace fiscale sulle cartelle, col rinvio delle rate di rottamazione ter e saldo a stralcio in scadenza venerdì prossimo.

Il dato di fatto, finora, è che le “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza” interessano tutte quelle persone fisiche e non che, fino allo scorso 21 febbraio, avevano la residenza o la sede legale nei comuni rossi. C’è ancora incertezza, invece, sul destino dei versamenti previdenziali.

Ma di fronte a uno scenario così mutevole, ciò che vale oggi per pochi comuni potrebbe presto avere valenza nazionale.

Homepage > Notizie > Notizie > I consulenti fanno quadrato: “Fisco in quarantena anche per le aziende extra zona rossa”
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?