07.03.24

Notizie

La Giornata nazionale del Made in Italy per celebrare la produzione italiana

Non è una notizia prettamente economica, ma non si vive solo di pancia: il Ministero delle Imprese e del Made in Italy (Mimit) ha aperto un “bando di concorso” per quanti, in qualità di «imprese, associazioni di imprese, fondazioni, scuole di ogni ordine e grado, Università, Enti Locali, Regioni e Pubbliche Amministrazioni» volessero presentare la propria iniziativa per celebrare la Giornata nazionale del Made in Italy.

Si tratta di una giornata che, l’attuale Governo, ha da subito manifestato di volere dedicare alla celebrazione del settore manifatturiero e, per fare ciò, la rende più partecipativa che mai, lanciando un vero e proprio scout di idee.

Di seguito, una parte del comunicato presente nel sito del Mimit, con maggiori dettagli del caso.

«Le proposte, di rilievo culturale, sociale, scientifico, artistico, storico e sportivo, dovranno essere inviate entro il 20 marzo 2024.

La Giornata Nazionale del Made in Italy, celebrata il giorno dell’anniversario della nascita di Leonardo da Vinci, ha l’obiettivo di promuovere la creatività e l’eccellenza italiana, riconoscendo, in particolare, al Made in Italy il ruolo sociale e il contributo allo sviluppo economico e culturale del Paese nonché la tutela del valore e delle qualità peculiari delle opere e dei prodotti italiani.

Una particolare attenzione verrà dedicata ai giovani affinché le iniziative in programma sviluppino l’interesse per lo studio e le attività lavorative legate al Made in Italy.

Le proposte saranno valutate dai competenti Uffici del Ministero.
L’esito della valutazione sarà comunicato via email all’indirizzo indicato nel form in fase di compilazione.

Sul sito istituzionale sarà pubblicata, altresì, la lista aggiornata degli eventi e delle iniziative facenti parte del calendario ufficiale delle celebrazioni».

 

 

Fonte: mimi.gov.it
Foto di AbsolutVision su Unsplash
Homepage > Notizie > Notizie > La Giornata nazionale del Made in Italy per celebrare la produzione italiana