fbpx

03.03.20

Notizie

La lotteria degli scontrini “s’ha da fare”: c’è l’ok del Garante della Privacy

Lotta all’evasione fiscale? Di più: premi per consumatori ed esercenti “responsabili”. È la logica della lotteria degli scontrini, la nuova formula studiata dal Mef per incentivare a rendere tracciabile ogni tipo di acquisto. L’obiettivo? Isolare gli evasori.

Partirà il prossimo luglio, dopo il via libera dato oggi dal Garante della Privacy, e prevede premi ai cittadini e agli esercenti (qualora accettino di ricevere assiduamente pagamenti tracciabili). Per rendere la misura fattiva mancano solo l’attivazione del portale e la firma al provvedimento che fissa le regole e i premi. Due le estrazioni in palio: la prima – dedicata a chi paga anche in contanti – fa vincere un milione, la seconda – chiamata “zero contanti” – premia l’acquirente (a cui vanno 5 milioni) e pure l’esercente (con 1 milione). Sono previsti, inoltre, premi mensili da 30 a 100mila euro.

Come riportato da Ansa.it, il meccanismo di gioco prevede che il consumatore inserisca nel portale dell’Agenzia delle entrate i propri dati per ottenere il “codice lotteria”, che a sua volta viene inserito al momento dell’acquisto, garantendo così la copertura dei propri dati. Sempre sul portale si potranno vedere le vincite assegnate e, entrando con un pin personale (come spid), anche il risultato dei propri scontrini. In ogni caso, è previsto che i vincitori siano avvertiti dal “fisco” con una raccomandata – oppure via pec – e avranno a disposizione novanta giorni per incassare la vincita.

Per il 2021 sono previste già nuove regole, che faranno cambiare sia gli importi dei premi sia le estrazioni, con l’aggiunta di quella settimanale dal valore di 25mila euro per la lotteria cashless e 5mila per la lotteria degli scontrini pagati con contanti. Resta immutato il fatto che la lotteria degli scontrini sarà a partecipazione facoltativa: solo quanti comunicheranno il codice ai fornitori concorreranno alle estrazioni. Potranno partecipare tutte le persone fisiche maggiorenni residenti in Italia e che effettuano acquisti di beni o servizi, fuori dall’esercizio di attività d’impresa, arte o professione. Almeno, finora, così dovrebbe essere.

Homepage > Notizie > Notizie > La lotteria degli scontrini “s’ha da fare”: c’è l’ok del Garante della Privacy
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?