fbpx

26.06.20

Notizie

Pmi. Nuovo bando macchinari innovativi: la presentazione delle domande dal 30 luglio

Si parla di trasformazione tecnologica e digitale delle Pmi, ma anche di economia circolare: il ministero dello Sviluppo economico, nel contesto del piano Impresa 4.0, ha definito le modalità e i termini della corretta attuazione dell’intervento agevolativo per favorire gli investimenti aziendali nell’ottica di una transizione verso l’economia circolare.

IL NUOVO BANDO MACCHINARI INNOVATIVI. Si rivolge alle aziende presenti in Sicilia, Calabria, Campania, Puglia e Basilicata al fine di metterle e sostiene, in particolar modo, la transizione del settore manifatturiero verso il paradigma dell’economia circolare. L’obiettivo è mettere le aziende nelle condizioni di essere in grado di aumentare il livello di efficienza e flessibilità dell’impresa nello svolgimento dell’attività economica, mediante l’acquisto di macchinari, impianti e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione dei programmi di investimento, nonché programmi informatici e licenze correlati all’utilizzo dei predetti beni materiali.

La dotazione finanziaria complessiva dello strumento, pari complessivamente a euro 265.000.000, sarà messa a disposizione delle imprese tramite due distinti sportelli agevolativi, che verranno aperti a distanza di non meno di 6 mesi l’uno dall’altro. Il 30 luglio, intanto, si attiva il primo.

CHI PUO’ BENEFICIARNE? Sono ammesse le attività manifatturiere, ad eccezione delle attività connesse ai settori della siderurgia; dell’estrazione del carbone; della costruzione navale; della fabbricazione delle fibre sintetiche; dei trasporti e relative infrastrutture; della produzione e distribuzione di energia, nonché delle relative infrastrutture. Sono, invece, ammesse alcune attività di servizi alle imprese.

LE AGEVOLAZIONI. Sono concesse nella forma del contributo in conto impianti e del finanziamento agevolato, per una percentuale nominale calcolata rispetto alle spese ammissibili pari al 75 %. Il mix di agevolazioni è articolato in relazione alla dimensione dell’impresa. Dunque, per le imprese di micro e piccola dimensione, un contributo in conto impianti pari al 35% e un finanziamento agevolato pari al 40%; per le imprese di media dimensione, un contributo in conto impianti pari al 25% e un finanziamento agevolato pari al 50%. Il finanziamento agevolato, che non è assistito da particolari forme di garanzia, deve essere restituito dall’impresa beneficiaria senza interessi in un periodo della durata massima di 7 anni a decorrere dalla data di erogazione dell’ultima quota a saldo delle agevolazioni.

Homepage > Notizie > Notizie > Pmi. Nuovo bando macchinari innovativi: la presentazione delle domande dal 30 luglio
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?