14.12.23

Notizie

Nuova Sabatini Green: modifiche alla dichiarazione sostitutiva

Modifiche alla dichiarazione sostitutiva per l’accesso all’agevolazione “Nuova Sabatini Green”. A renderlo noto è una circolare ministeriale Mimit.

Di preciso, si tratta della circolare n. 50031 dell’11 dicembre 2023, che modifica, a sua volta, la circolare n. 410823 del 6 dicembre 2022, sostituendo integralmente il punto 6.5 con il seguente:

Con riferimento alle imprese operanti in settori non ricompresi tra quelli di cui ai precedenti punti 6.1 e 6.2, i programmi d’investimento devono essere riconducibili, nei limiti e alle

condizioni stabiliti nel regolamento GBER, a una delle tipologie di cui all’articolo 17 “Aiuti agli investimenti a favore delle PMI” del regolamento stesso:

a)  investimento in attivi materiali e immateriali relativo alla creazione di un nuovo stabilimento;

b)  ampliamento della capacità di uno stabilimento esistente;

c)  diversificazione della produzione di uno stabilimento per ottenere prodotti o servizi non fabbricati o forniti precedentemente in tale stabilimento;

d)  cambiamento sostanziale del processo di produzione complessivo del prodotto o dei prodotti o della fornitura complessiva del servizio o dei servizi interessati dall’investimento nello stabilimento;

e)  acquisizione di attivi appartenenti a uno stabilimento:

    • –  che è stato chiuso o sarebbe stato chiuso senza tale acquisizione;
    • –  mediante un’operazione che avviene a condizioni di mercato;
    • –  da parte di terzi che non hanno relazioni con l’acquirente.

La semplice acquisizione di azioni di un’impresa non viene considerata un investimento iniziale.

In buona sostanza, per sostenere l’accesso alla misura agevolativa delle imprese impegnate in programmi di investimento in beni strumentali a basso impatto ambientale, la nuova circolare ministeriale modifica la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà rilasciata dal fornitore e che l’impresa deve allegare alla richiesta di erogazione del contributo.

LA NUOVA SABATINI. Il Governo prevede la concessione di finanziamenti alle micro, piccole e medie imprese da parte di banche e intermediari finanziari per investimenti in macchinari, impianti, beni strumentali d’impresa, attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali, nonché di un contributo, da parte del Ministero delle imprese e del made in Italy, rapportato agli interessi calcolati sui predetti finanziamenti.

Negli anni, il contributo in conto impianti “Nuova Sabatini” è stato esteso a investimenti in macchinari, impianti e attrezzature a basso impatto ambientale, nell’ambito di programmi orientati a migliorare l’ecosostenibilità dei prodotti e dei processi produttivi.

Fonte: Circolare n. 50031 dell’11 dicembre 2023 Mimit
Homepage > Notizie > Notizie > Nuova Sabatini Green: modifiche alla dichiarazione sostitutiva