fbpx

10.04.20

Notizie

Blocco casse private: il decreto Liquidità sospende il bonus di 600 euro

Accade in tarda serata, quando le lancette dell’orologio lasciano spazio alla vita personale di ogni professionista, così che, in dormiveglia, accoglie senza diritto di replica la decisione del governo Conte. Questa la notizia: le venti casse private racchiuse nell’acronimo Adepp (Associazione degli enti previdenziali privati) non accolgono più nuove istanze di richiesta del bonus di 600 euro previsti dal decreto Cura Italia, in attesa di nuove direttive ministeriale. A disporlo è il decreto Liquidità che dopo avere pubblicato questa notte su una edizione straordinaria della Gazzetta Ufficiale, cambia le carte in tavola. E lo fa senza preavviso. Se non, lasciando spazio alle voci di corridoio che, nelle ultime ore, hanno dato seguito all’eco di fondi esauriti ed anche di poste elettroniche piene e, pertanto, da svuotare per fare spazio a nuove domande.

Ma nulla di tutto ciò. A essere modificati sono i requisiti di accesso all’indennità: occorre, infatti, essere iscritti “in via esclusiva” a una sola cassa di previdenza. Un passaggio che, finora, mancava. Il decreto di aprile fa chiarezza circa le disposizioni del decreto di marzo che non teneva conto di questa sottigliezza. Il caso più comune è quello che tiene conto dell’ambiguità di soggetti titolari di reddito da lavoro dipendente – e quindi già iscritti a una cassa previdenziale – e, contestualmente, di reddito professionale, versando i contributi a entrambe le casse, all’Inps e alla corrispondente cassa di previdenza privata. E siccome andare a fare una cernita di questi casi risulta eccessivamente complessa visto l’elevato numero di domande presentate, il decreto Liquidità ha bloccato l’Adepp, che sospende l’accoglimento delle istanze, che hanno superato le 400mila nel giro di pochi giorni.

Dure le parole del presidente del Consiglio nazionale dei commercialisti, Massimo Miani: «Le casse erano già pronte a erogare il bonus – si leggete in un comunicato dell’Ordine – grazie anche al lavoro svolto nei giorni scorsi da migliaia di nostri colleghi che hanno inviato le richieste per i loro clienti liberi professionisti, facendo i salti mortali per interpretare norme del tutto incerte. Avevamo duramente criticato il “Cura Italia” per la clamorosa disparità di trattamento riservata ai professionisti iscritti agli Ordini professionali, ma quello che succede oggi lascia davvero senza parole».

 

LEGGI IL NOSTRO FOCUS SUL DECRETO LIQUIDITA’ ->Decreto Liquidità: focus su adempimenti e accesso al credito

Homepage > Notizie > Notizie > Blocco casse private: il decreto Liquidità sospende il bonus di 600 euro
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?