fbpx

14.05.20

Notizie

In arrivo il Bonus affitti: meno 60% sulle locazioni per imprese e terzo settore

Si parla di affitto di immobili non abitativi, e quindi locali a uso imprenditoriale (tra cui le strutture ricettive), studi professionali, spazi per il terzo settore. Il beneficio è pari al 60% del canone versato a marzo, aprile e maggio, e scende al 30% in caso di affitto d’azienda. Il decreto Rilancio, le cui linee di massima sono state annunciate ieri sera dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, (ma ancora da leggere, nella versione definitiva in Gazzetta Ufficiale) entra in scena, prevedendo un bonus affitti ad ampio perimetro e proponendo un credito d’imposta che può essere ceduto anche alle banche e agli intermediari finanziari.

SOGGETTI BENEFICIARI. Possono fruire del credito d’imposta i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro e che hanno subito un calo di fatturato o dei corrispettivi di almeno il 50% nel mese di riferimento rispetto allo stesso mese del periodo d’imposta precedente. Alle strutture alberghiere, invece, il credito d’imposta spetta indipendentemente dal volume di affari registrato. Ammessi anche gli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti.

RESTRIZIONI PER ACCEDERE ALL’AGEVOLAZIONE. Per fruire del credito d’imposta occorre dimostrare di avere subito una riduzione del fatturato, per i mesi di marzo, aprile e maggio, di almeno il 50% rispetto allo stesso periodo d’imposta precedente.

Attenzione, però. Marzo subisce un’eccezione, in quanto è espressamente previsto che il credito d’imposta non potrà essere cumulato col “Bonus botteghe e negozi” edito dal decreto Cura Italia. Questa la fonte: per espressa disposizione, il beneficio ricade nell’ambito di applicazione della Comunicazione della Commissione europea del 19 marzo 2020, al “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza del Covid-19″, e successive modifiche.

A conti fatti, sarà un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, da emanarsi entro 20 giorni dall’entrata in vigore del decreto Rilancio, a definire le modalità attuative del bonus.  Resta da dire che il credito d’imposta non concorrerà alla formazione della base imponibile ai fini delle imposte sui redditi e del valore della produzione ai fini dell’Irap e non è soggetto ai limiti di compensazione. Alias: sarà davvero un’agevolazione poterne usufruire.

Leggi anche cos’è accadute alle Locazioni di immobili durante il Coronavirus.

Homepage > Notizie > Notizie > In arrivo il Bonus affitti: meno 60% sulle locazioni per imprese e terzo settore
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?