fbpx

Torna in “auge” il recupero di immobili inutilizzati o confiscati alla criminalità organizzata, tanto da realizzare un apposito credito d’imposta per chi investe nel settore. Arriva, infatti, dal Governo il via libera al regolamento per l’attribuzione del credito d’imposta “Social bonus” alle persone fisiche, agli enti e alle società. Un nuovo passo in avanti per la completa attuazione di quanto previsto nel Codice del Terzo settore.

Il decreto, in attuazione dell’articolo 81 del dlgs 117-2017, individua le modalità per l’attribuzione, la misura del credito d’imposta e i criteri per la sua fruizione. In particolare, il testo stabilisce che possono usufruire del social bonus “le persone fisiche, gli enti che non svolgono attività commerciali tutte le imprese, indipendentemente dalla forma giuridica, dal settore economico in cui operano, nonché dal regime contabile adottato”.

IL BONUS. L’incentivo è riconosciuto nella misura del 65% delle erogazioni liberali in denaro effettuate a favore di enti del Terzo Settore da persone fisiche, mentre l’intensità scende al 50% per quelle effettuate da enti o società.

Il provvedimento specifica, inoltre, che le erogazioni devono essere effettuate in favore degli enti del Terzo settore che hanno presentato al Ministero del Lavoro un progetto per sostenere il recupero degli immobili pubblici inutilizzati e dei beni mobili e immobili confiscati alla criminalità organizzata, che potranno così essere utilizzati per lo svolgimento di attività di interesse generale.

Quanto alle modalità di fruizione, il tax credit è ripartito in tre quote annuali di pari importo. Il bonus è utilizzabile in compensazione con il modello di delega “F24” e non rileva ai fini della base imponibile delle imposte sui redditi e dell’imposta regionale sulle attività produttive (Irap).

Homepage > Notizie > Notizie > In arrivo il “Social bonus” per il Terzo settore
Fondo Impresa FemminileL'incentivo nazionale che sostiene la nascita e il consolidamento delle imprese guidate da donne

APERTURA TERMINI PER LA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA
- 5 MAGGIO 2022 PER LE NUOVE IMPRESE
- 24 MAGGIO 2022 PER LE IMPRESE GIA' COSTITUITE
Newsletter

Vuoi ricevere la nostra newsletter e rimanere aggiornato sulle nostre pubblicazioni?